Hai Degli Obiettivi Per Il Fitness? Trova ispirazione Dall’infermiera che gestisce Ultramarathons

Hai Degli Obiettivi Per Il Fitness? Trova ispirazione Dall'infermiera che gestisce UltramarathonsUn’infermiera del programma Healthy Heart (Terapia cardiaca intensiva), Emily Richards, RN, BSN, gestisce ultramarathons.

Cos’e ‘ un ultramarathon?

E ‘ una gara che fa sembrare le maratone — 26 fishermenshospital.com miglia di lunghezza — una passeggiata nel parco. Perche ‘ le gare di ultramarathon sono di solito tra 30 miglia e 100 miglia di lunghezza.

Per la maggior parte delle persone, quelle distanze sembrano pazzesche da percorrere. Ma per Emily e i suoi compagni atleti, amano allenarsi e trovare il brivido di arrivare al traguardo.

Ricaricare con ogni miglio

E gli atleti di ultramarathon endurance di solito non corrono con successo quelle distanze senza grande motivazione e ispirazione dietro la loro formazione e resistenza.

” Essere fuori in natura e in montagna ha sempre alimentato la mia anima e la mia creatività, mi ha offerto prospettiva e mi ha dato gioia”, ha detto Emily. “Il Trail running mi aiuta a sentirmi sano ed equilibrato nella mente e nel corpo. E ‘ dove mi ricarico.”

È arrivata al primo posto per la gara femminile di 55K (34 miglia) nella gara di Resistenza Tahoe Rim Trail nel luglio 2018 e ha battuto il record femminile fissato nel 2001.

Emily (a destra) con suo marito Colin e la loro figlia Aila.Emily (a destra) con suo marito Colin e la loro figlia Aila.

Puo ‘ essere difficile bilanciare il lavoro e fare la mamma, ma Emily trova ancora il tempo per allenarsi. E bilancia anche l’allenamento di resistenza di suo marito, ma dice che lo rendono una priorità perché li rende genitori migliori per la loro figlia di 2 anni.

Aiuta anche che Renown offre incentivi come il programma Healthy Tracks, dove lei può guadagnare sconti sulla sua assicurazione sanitaria attraverso la salute della città natale partecipando ad attività sane.

Lezioni da Ultramaratoni

Emily ha completato 19 ultramaratoni finora. E dice che ognuno di loro le ha insegnato qualcosa.

” Gli eventi di resistenza sono come la vita; si sperimentano gli alti e i bassi, ” ha detto. “Ho avuto dei periodi bui nella mia vita, come molti di noi. Ma sono grato per queste sfide, perché mi hanno portato molta chiarezza e forza nel modo in cui voglio vivere la mia vita migliore. Mi attiro su questo nei miei ultramaratoni e ciò che provo dalla linea di partenza al traguardo mi aiuta a vivere la vita con un po ‘ più di coraggio e gratitudine.”

Durante il suo primo ultramarathon da 100 miglia, Emily è diventata ipotermica quando ha raggiunto il chilometro 72 nel cuore della notte dopo che la temperatura è scesa. Ha contattato suo marito, Colin, in una stazione di soccorso. Pensando che non potesse andare oltre, ha chiamato un amico per un consiglio che gli ha detto di rimettere in piedi Emily e fare un paio di passi.

” Non mi è mai passato per la testa che avrei lasciato la gara”, ha detto.

Quindi si e ‘ cambiata, ha mangiato del cibo e ha finito la gara.

La sua lezione da quella gara: “siamo più forti di quanto pensiamo.”

Parenti: L’Infermiera diventa mamma, il paziente diventa figlio: il viaggio di Izaiah verso una famiglia per sempre

” Penso che la comprensione di Emily di superare le barriere le dia una profonda comprensione e compassione di ciò che i nostri pazienti devono affrontare nella loro ricerca di fare cambiamenti sani”, ha detto Lynice Anderson, Direttore della Renown di Terapia cardiaca intensiva.

E questa e ‘ la lezione che cerca di insegnare ai pazienti con cui lavora ogni giorno.E questa e ' la lezione che cerca di insegnare ai pazienti con cui lavora ogni giorno.

” I pazienti che vengono alla riabilitazione cardiaca intensiva sono piuttosto spaventati da quello che gli è successo di recente”, ha detto. “Spesso mi dicono che sentono di aver avuto una seconda possibilità dopo essere sopravvissuti a un grave evento o a un grave problema cardiaco.

“Quello che ci rimette in piedi è un forte sistema di supporto; persone che credono in noi e possono aiutarci a iniziare a fare quei primi passi. Ma poi, una volta che vediamo di poterlo fare, guadagniamo slancio e possiamo essere inarrestabili.”